A proposito del Machazor
  Introduzione di Lea Artom
  Il rabbino Dr. M.E. Artom z"l
  Pagine di esempio

 
  Lettera di Rabbino
Israel Meir Lau
  Presentazione del Rav
Elio Toaff
  Pefazione del traduttore   
  Come Ordinare
  scaricare la presentazi


Presentazione del Rav Elio Toaff

Cinque secoli sono trascorsi da quando nel lontano 1496 – corrispondente al 5242 dalla Creazione - fu stampato per la prima volta in due volumi a Soncino e a Casalmaggiore il Machazor secondo il rito dei “figli di Roma”; e da allora, decine di altre edizioni del Machazor si sono susseguite per i tipi delle diverse stamperie sparse per la penisola italiana. Questo fatto dimostra chiaramente quanto vivo e profondo fosse l’interesse e l’amore degli Ebrei di origine italiana al proprio rito e alle proprie tradizioni e con quanta cura e gelosia tenessero a preservarle dalla proponderante influenza sia ashkenazita che sefardita.

Per questi ebrei il Machazor rappresentava una riafferma-zione della propria vitalità culturale e religiosa; in quella raccolta di preghiere e di riti vedevano un elemento unificante delle varie comunità di origine italiana, e soprattutto, una memoria storico-letteraria che raccoglieva i momenti salienti della esperienza di quella comunità; un mezzo per esaltare e stimolare attraverso la preghiera e la meditazione, la tensione etico-spirituale del singolo Ebreo.

La presente edizione del Machazor tanto nella novità della traduzione in lingua italiana quanto nel confluire in essa delle diverse usanze e tradizioni liturgiche delle vaire comu-nità di rito italiano, costituisce un fatto di notevole impor-tanza. Sul piano culturale, grazie alla mole di materiale let-terario che viene presentato, si permette al lettore ignaro della lingua originale, di conoscere brani importanti della letteratura liturgica e del pensiero del popolo ebraico riguardanti un arco di parecchi secoli. Ma sopratutto dal punto di vista dei valori dello spirito, l’opera è la testimo-nianza della vitalità e dell’esigenza di una comunità che, in un’epoca di apparente secolarizzazione, vuole recuperare ed esaltare i valori della propria bimillenaria tradizione..

ELIO TOAFF
Rabbino Capo
della Comunità Ebraica di Roma